Il Ristorno

 

Lo Statuto del ristorno è stato precisamente legiferato:
‘L’assemblea, su proposta del consiglio di amministrazione, può determinare il ristorno, vale a dire l’equivalente monetario del vantaggio mutualistico, da riconoscere ai soci in proporzione alla quantità e alla qualità dei loro scambi mutualistici con la banca, indipendentemente dal numero di azioni da loro possedute.’
(Statuto Sociale – Articolo 51)

Il ristorno rappresenta il vantaggio mutualistico, in termini di risparmio di spese o maggiore remunerazione, che deriva al Socio in ragione dei rapporti intrattenuti con la Banca. Esso è il mezzo col quale si esprime il vantaggio del Socio all’adesione alla compagine sociale, cioè il vantaggio mutualistico che ne deriva ed in questa fase di mercato, in cui altre politiche di incentivazione tradizionali risultano superate o insufficienti, diviene particolarmente importante.

La stessa Carta dei Valori del Credito Cooperativo, nel 6° comma dell’articolo 6 sancisce: ’I soci del Credito Cooperativo possono, con le modalità più opportune, ottenere benefici in proporzione all’attività finanziaria singolarmente svolta con la propria banca cooperativa’.

Il carattere particolare delle Banche di Credito Cooperativo si esprime nell’essere imprese bancarie cooperative, cioè banche e cooperative che formano un tutt’uno unitario e inscindibile. Il Socio deve acquisire la consapevolezza di essere un ‘cooperatore’ dell’impresa.

In altre parole, l’istituto del ristorno, oltre che a rappresentare un’importante opportunità di sviluppo, è uno strumento che mantiene salda l’identità propria della banca, che non può prescindere dall’essere cooperativa, e fidelizza in modo nuovo il Socio, per farlo sentire cooperatore oltre che cliente.

Il ristorno si distingue per natura, funzione e modalità di determinazione dal dividendo, che invece viene distribuito in proporzione al capitale posseduto e per sua natura può essere invece considerato come l’equivalente monetario del vantaggio mutualistico riconosciuto al Socio in base all’entità della sua partecipazione.

Regolamento Assembleare sul Ristorno