Prima pagina
23/05/2011
Fondazione ISAL e ICCREA

Fondazione ISAL e ICCREA Banca (Credito Cooperativo) insieme per sconfiggere il dolore cronico.

Dal 15 marzo 2010 la legge sul dolore sancisce il “diritto a non soffrire” e di questo diritto la Fondazione ISAL , costituita nel 1993, ne ha fatto la sua bandiera.
Il dolore cronico è una piaga, nonché un costo sociale che in Italia colpisce oltre 12 milioni di persone (il 20% della popolazione attiva, prevalentemente femminile), causando la perdita di 3 milioni di ore lavorative oltre ad una ingente spesa sanitaria. Nonostante questi numeri il dolore è una malattia che le Autorità Sanitarie non sembrano tenere nella giusta considerazione. Non così per la Fondazione ISAL che in 18 anni ha dato una risposta concreta a questo vuoto culturale e legislativo, formando oltre l'85% dei medici specialisti in terapia del dolore e promuovendone la conoscenza, la ricerca e la formazione. 
Un impegno, questo, che nel 2009 è sfociato in un progetto patrocinato dal Senato e dai Ministeri del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali denominato “Cento città contro il dolore”. Uno sforzo scientifico, politico ed istituzionale che si è tradotto in un’azione concreta per dare voce ai bisogni delle persone colpite da dolore cronico e oncologico, un network che unisce l’Italia nel nome dell’assistenza e della solidarietà. 
Iccrea Banca, sempre sensibile alle problematiche sociali, sosterrà l’impegno della Fondazione ISAL nel settore della ricerca sul dolore, contribuendo alla ricerca volta a scoprire nuove terapie per poter vivere senza la faticosa persistenza quotidiana del dolore. 
Inoltre, quale iniziativa a favore dei clienti delle banche Cooperative possessori della CartaBCC, è stato attivato il numero Verde 800 10 12 88, da lunedì a venerdì dalle ore 10.00 alle 16.00. Contattando il call center sarà possibile ricevere informazioni sui Centri di Terapia del Dolore più vicini. L’utente potrà anche ricevere un primo aiuto tramite la consulenza telefonica di un terapista del dolore della Fondazione.