Prima pagina
16/05/2011
Comunicato

Alcuni clienti ci segnalano di aver ricevuto, per posta elettronica o tramite volantinaggio da fonte anonima, delle comunicazioni nelle quali si asserisce che la Bcc di Cernusco avrebbe perso circa 2.100 clienti negli ultimi anni; che nel triennio 2008/2010 la raccolta è diminuita di 23 milioni di euro; che nel triennio 2008/2010 ci sarebbe stata una perdita di 5,3 milioni di euro anziché un utile di 8,2 milioni di euro.
A tal proposito si precisa quanto segue:
Numero dei clienti
L’affermazione che nel triennio si sono persi oltre 2.100 clienti non corrisponde alla realtà in quanto nel comunicato si fa riferimento a dati forniti dalla Federazione Lombarda delle Bcc senza precisare che dal 2009 le modalità di rilevazione dei dati riportati dalla Federazione sono state modificate, per disposizioni della Banca d’Italia, escludendo i rapporti al portatore e rilevando i clienti titolari di più rapporti una volta sola:
- una persona con 3 conti correnti prima veniva contata come 3 clienti, dopo il 2009 una persona, con 3 conti correnti, viene contata come 1 cliente.
Per quanto sopra, i dati degli anni precedenti al 31 dicembre 2009, non sono omogenei e quindi la differenza non è indice di perdita di clienti.
Andamento della raccolta diretta e indiretta.
Nel porre a confronto i dati di bilancio relativi alla raccolta diretta e indiretta non si dà informativa in merito al fatto che nel triennio 2008/2010 sono stati rimborsati prestiti obbligazionari della Banca per nominali euro 21 milioni sottoscritti da clientela delle filiali cedute ad altre Banche nel corso dell’Amministrazione Straordinaria.
Si tenga presente, inoltre, che i dati relativi alla raccolta indiretta sono valorizzati alle quotazioni di mercato e quindi tengono conto del minor valore che la crisi finanziaria ha causato negli esercizi in questione.
Gli utili
Affermare che la Banca anziché utili abbia prodotto una perdita nel triennio è il risultato di un ragionamento evidentemente errato.
Chi ha redatto il documento fa un richiamo alle pagine del fascicolo di bilancio considerando solamente una parte dei dati riportati nelle tabelle.
A conferma del buon operato della Banca si evidenzia che il patrimonio di base del Credicoop Cernusco nel triennio è aumentato passando da 40,4 milioni di euro a 46,2 milioni di euro.
Inoltre, nel mese di febbraio del corrente anno, la Banca d’Italia ha rimosso tutti i vincoli introdotti nell’anno 2000 e aggravati dall’Amministrazione Straordinaria.

I fatti e i risultati testimoniano che la Bcc di Cernusco sul Naviglio ha una buona vitalità operativa e la capacità, con scelte lungimiranti, di sviluppare la propria operatività anche in un periodo di crisi come l’attuale. Gli equilibri raggiunti permettono di mantenere costanti e in crescita le masse amministrate con livelli di raccolta tali da non creare problemi di liquidità o carenza di mezzi a disposizione delle attività produttive del territorio.
La Direzione Generale della Banca è a disposizione per ogni ulteriore necessità o chiarimenti in merito ed è possibile contattarla tramite e-mail all’indirizzo direzione.generale@credicoop.it oppure telefonando al numero 02.92.114.299.

Il Presidente
Giuseppe Milan